Come fa Enel a scoprire chi ha allaccio abusivo?

Come fa Enel a scoprire chi ha l’allaccio abusivo? Qualcuno ha manomesso il contatore? In questa guida vedremo quali sono i metodi sfruttati dalla compagnia italiana, per individuare eventuali anomalie nel contatore.

Il furto di energia elettrica è uno dei crimini più comuni nel nostro Bel Paese, motivo per cui è bene conoscere i metodi per scoprire se il vicino si è allacciato abusivamente, o come riuscirebbe Enel ad accorgersene.

Come fa Enel a scoprire chi ha allaccio abusivo? Il tipo di reato

Quindi, come fa Enel a scoprire chi ha allaccio abusivo? Il furto di energia è uno dei reati più commessi nel mondo, soprattutto in Italia. molti di loro si giustificano che non hanno i mezzi per poter pagare la propria bolletta e quindi sono quasi costretti a rubare l’energia da altri.

Rispondiamo alla tua domanda “come faccio a sapere se qualcuno si è attaccato al mio impianto elettrico? L’allaccio al contatore altrui, è un reato sotto ogni aspetto, nello specifico, furto aggravato.

Comprendiamo che il consumo elettrico di una famiglia può essere un peso, ma chi si allaccia al contatore può essere punito con l’arresto fino a 6 anni.

Come posso fare per vedere se qualcuno mi ruba la corrente? Semplice: controllare i consumi nella bolletta da pagare. Se hai un costo molto più oneroso rispetto a quanto stimato, significa che il contatore è stato manomesso.

Un secondo modo per capire se ti rubano la corrente, è quello di controllare (meglio con una mano del tecnico) il contatore. Il furto della luce può essere scoperto grazie alla presenza di apparecchiature e cavi anomali visibili nel misuratore di potenza.

Ad esempio, potresti notare un cavo di alimentazione di un’altra persona, che porta l’energia in un altro appartamento non di tua proprietà.

Come avviene il furto dell’energia elettrica

Esistono diversi modi per manomettere il contatore. Ecco quelli più diffusi:

  1. Allaccio abusivo ai cavi della rete;
  2. Collegamento al cavo di alimentazione di un altro utente;
  3. Rottura del sigillo del distributore;
  4. Allacciamento di utenza distaccata;
  5. Inserimento resistenza al contatore;
  6. Installazione di un magnete;
  7. Modifica software (solo per i misuratori digitali moderni);

Ma inoltre, chi è responsabile del contatore Enel? Semplice, il distributore stesso.

Colui che è anche proprietario dei contatori di gas e luce. Qualora ci fosse un guasto sull’energia elettrica e/o contatore bisogna contattare il distributore in base alla zona.

Furto energia elettrica: come denunciare

Se scopri un furto sul tuo contatore, puoi sporgere denuncia presso le Forze dell’Ordine. Che siano carabinieri, questura, polizia è indifferente.

Siccome parliamo di un reato che può essere portato in giudizio dall’ufficio, la denuncia può essere usata da chiunque. Facciamo un esempio: il contatore è al di fuori dell’abitazione, la manomissione può essere vista da chiunque, quindi anche un passante può recarsi alle autorità esperte.

Adesso che hai scoperto come fa Enel a scoprire chi ha allaccio abusivo, come ti comporterai? Ti ricordiamo che è importante prendere sempre le giuste precauzioni e seguire quello che ti abbiamo scritto passo per passo.

3 commenti su “Come fa Enel a scoprire chi ha allaccio abusivo?”

  1. Da pochi mesi mi è stato consegnato un alloggio popolare… premessa: il contatore A2A (UNARETI) è nuovo di zecca, la prima bolletta era di 446 euro, la seconda di 60 euro, ora mi è arrivata una nuova bolletta di 466 euro. Ma come è possibile se non ho neppure i lampadari sui soffitti, forno elettrico, cappa, e cucina a induzione sono ancora nuovi mai usati e staccati dalle prese a muro, la lavatrice la faccio una volta a settimana ” lavaggio breve di 30 minuti”, niente lavastoviglie, niente forno microonde, niente aspirapolvere e nemmeno il ferro da stiro…vivo in un monolocale e mi arrivano queste bollette?

    Rispondi
    • é sicuramente molto strano, conviene contattare il servizio che le fornisce la “corrente” e aprire una segnalazione.

      Dovrebbe controllare però, se sulla bolletta c’è consumo effettivo o stimato (sulla precedente famiglia che abitava e magari aveva più cose attaccate), le cifre sono realmente alte per una persona sola.

      Rispondi

Lascia un commento