Rincaro bollette: i motivi reali e come risparmiare

Rincaro bollette: i motivi reali e come risparmiare

15 Ottobre 2021 0 Di admin5758

Le bollette sono sicuramente una delle parti più dolorose che compongono il bilancio familiare, pesano in una maniera considerevole e molte volte hanno al loro interno più tasse che spesa effettiva, ma ovviamente nell’ultimo periodo le bollette sono aumentate sensibilmente e questo ci porta a dover fare delle scelte pratiche.

I motivi del rincaro bollette sono molteplici. L’aumento arriverà dal primo ottobre dell’anno 2021. Una notizia poco carina nei confronti dei consumatori finali, che soprattutto dopo un anno economico difficile, dovranno conservare ancor più capitale per poter sostentarsi da vivere.

Roberto Cingolani, ovvero il Ministro della transizione ecologica, ha voluto esser chiaro su questo punto, facendo sapere che la bolletta relativamente a luce e gas potrebbe costare il 30% oppure il 40% in più rispetto a quanto sono abituati attualmente gli italiani.

I veri motivi del rincaro delle bollette

Il rincaro bollette a cosa è dovuto? Perché proprio adesso? Il vero motivo è di natura geopolitica e finanziaria, in quanto dopo il lockdown globale la domanda per poter fornire materie prime è stata molto più elevata dell’offerta.

Chiaramente se notassi un aumento spropositato, ti suggeriamo di verificare inviando un reclamo al tuo distributore d’energia. In ogni caso, la materia che causerebbe l’innalzamento dei prezzi è legata all’eccessivo gas naturale liquido richiesto nella gran parte dei paesi europei, fonte primaria per produrre l’energia.

Basti pensare che l’Italia è classificata al 2° posto come paese che importa più gas naturale liquido in tutta Europa. Soltanto il nostro Bel Paese ha impiegato il 45%. Ai costi da affrontare all’ingrosso, non vanno dimenticate le spese di trasporto, addizionali, di distribuzione, tasse e vari oneri per mantenere in vita l’elettricità.

Questi sono tutti i motivi per la quale è previsto il rincaro bollette, ovviamente anche la situazione post-covid, unita ad una serie di errori storici Italiani, ci sta portando direttamente tra le braccia di un aumento senza precedenti dei costi delle materie prime, l’energia ovviamente aumenta in combutta con il gas, ma in un ottica mondiale di aumenti delle materie prime che sta colpendo tutto il mondo. (Tutta Europa e anche Stati Uniti e altri stati non autosufficienti stanno avendo un aumento dei costi energetici, quindi non è una situazione solo Italiana)

Rincaro bollette: per chi è previsto e come risparmiare

Sicuramente ora che hai capito il perché del rincaro bollette, vorresti sapere per chi è previsto e come eventualmente poter risparmiare. Innanzitutto, l’aumento dei costi in bolletta è indistintamente per tutti, sia consumatori industriali, che professionisti e domestici.

Gli unici che potranno esser esclusi dall’aumento complessivo di luce e gas, sono coloro che hanno sottoscritto un contratto pluriennale a prezzo fisso.

Se tu avessi un contratto al di fuori di questo, ti suggeriamo di controllare i costi legati ai consumi effettivi ed in base al prezzo stabilito per fasce orarie, poter pianificare l’utilizzo dei grandi elettrodomestici riuscendo a risparmiare qualcosa in bolletta.

Di base, la prima soluzione per risparmiare aldilà degli interventi governativi è iniziare a consumare meno elettricità e meno gas, in casa prediligere le temperature tra i 19 e 20 gradi, mentre per la corrente dobbiamo prediligere elettrodomestici a basso consumo e controllare ogni volta di aver staccato tutti gli apparecchi elettronici cosi da contenere gli sprechi a fine mese.

Anche sostituire le lampadine di casa con le lampadine a Led è una buona soluzione per abbassare notevolmente i consumi nella vostra bolletta, abbiamo analizzato in questo articolo quanto consumano e possiamo consigliare nella vostra transazione energetica casalinga.

Tuttavia, per limitare ancor di più i costi legati ai rincari di gas e luce è possibile che il Governo proceda alla riduzione degli oneri di sistema, che consentirebbero di far risparmiare il 12% o 13% sul totale delle bollette.

In alternativa, dovrebbe esser prevista anche la sterilizzazione dell’IVA. Se non sapessi il significato, tale manovra finanziaria si tradurrebbe in una manipolazione forzata di alcune voci in bolletta, affinché il consumatore finale possa risentire meno di tale aumento.