si può produrre energia elettrica in proprio?

si può produrre energia elettrica in proprio?

28 Giugno 2022 0 Di Lucio

Sapevate che circa un terzo della popolazione mondiale vive in regioni dove la luce solare è abbondante tutto l’anno? In altre parole, ci sono molte persone che hanno accesso all’energia solare gratuita che possono utilizzarla direttamente per alimentare le loro case e le loro aziende ma non lo fanno, almeno non tutti.

Negli Stati Uniti, in alcune zone non hanno accesso alla luce naturale del sole come in altre regioni del mondo, ma per fortuna ci sono ancora molti modi per produrre energia elettrica in casa in modo autonomo e senza correre grossi rischi.

Dall’installazione di un piccolo impianto idroelettrico all’acquisto di un’auto ibrida usata, queste diverse strategie possono aiutarvi a ridurre i costi energetici mensili, riducendo al contempo la vostra impronta di carbonio. Produrre corrente in modo autonomo è indispensabile se vogliamo mantenere alcuni standard della nostra casa come il riscaldamento a pavimento sempre più in uso nelle case di nuova concezione.

Iniziare ad essere autonomi con la propria corrente è fondamentale se vogliamo iniziare ad avere bollette più basse e iniziare a calmierare gli aumenti e i reclami per bollette troppo alte.

Che viviate in una baita isolata o che vogliate semplicemente integrare la vostra bolletta con fonti di energia rinnovabile, ecco sei modi per generare la vostra elettricità a casa.

produrre elettricità nell’appartamento

Prima di iniziare a produrre elettricità, è importante sapere quanta elettricità si usa attualmente. È possibile utilizzare un monitor per l’utilizzo dell’elettricità Kill-A-Watt per monitorare l’utilizzo giornaliero e mensile dell’elettricità per ottenere una linea di base del consumo attuale di energia. Potete usare queste informazioni per assicurarvi di produrre abbastanza energia per compensare il vostro attuale consumo di elettricità.

Se si supera il consumo attuale, si può rivendere l’elettricità all’azienda elettrica locale. In generale, per gli abitanti delle città è più difficile generare elettricità rispetto a quelli delle campagne. Gli abitanti delle zone rurali che hanno accesso a una fonte d’acqua come un fiume o un torrente possono utilizzare l’energia idroelettrica per generare elettricità per la loro casa. Con alcuni accorgimenti, è possibile utilizzare questa fonte di energia per alimentare elettrodomestici e persino un’intera casa.

Installare un piccolo sistema idroelettrico

Se avete una fonte d’acqua nelle vicinanze (come un fiume, un ruscello o persino una cascata), potete usarla per alimentare un piccolo sistema idroelettrico che può generare elettricità per la vostra casa. La costruzione di un impianto di questo tipo può essere complessa e richiedere competenze di progettazione, ma è anche possibile acquistare sistemi già pronti, progettati per questo scopo. I sistemi idroelettrici funzionano deviando il flusso dell’acqua attraverso il sistema, che fa ruotare una turbina che genera elettricità.

L’elettricità può essere utilizzata per alimentare gli elettrodomestici di casa e per caricare le batterie da utilizzare in seguito. I sistemi idroelettrici possono fornire elettricità a una singola abitazione o addirittura a un’intera comunità dipende ovviamente dalla dimensione del nostro sistema.

Questi sistemi sono spesso utilizzati in aree remote dove è difficile fornire elettricità da altre fonti.

Costruire una turbina eolica

Le turbine eoliche sono un altro tipo di sistema di energia rinnovabile comunemente utilizzato per generare elettricità. È possibile acquistare una turbina eolica di piccole dimensioni, in grado di generare elettricità sufficiente ad alimentare una singola abitazione, oppure una turbina più grande che può produrre fino a 100 kilowatt di elettricità al giorno.

Le turbine eoliche vengono solitamente installate sulla terraferma, di solito su una collina dove la velocità del vento è maggiore, ma è anche possibile installare una piccola turbina eolica sul tetto di una casa. Sebbene questo sia possibile per una casa unifamiliare, non è pratico per edifici più grandi o condomini.

Ovviamente questo è un metodo un pò complesso per creare energia elettrica in casa ma molto efficace se dobbiamo generare corrente per un grosso numero di persone.

Installare un sistema di pannelli solari

Se avete accesso alla luce del sole, potete usare i pannelli solari per generare elettricità per la vostra casa. I pannelli solari sono disponibili in diverse dimensioni, dai piccoli pannelli che generano elettricità sufficiente per un singolo elettrodomestico ai grandi sistemi che possono generare elettricità per un’intera casa o azienda. I pannelli solari sono inoltre disponibili in diverse tecnologie, ognuna delle quali presenta vantaggi unici.

I tipi principali sono i pannelli al silicio, a film sottile e al cadmio-telluride (CdTe). I sistemi al silicio sono i più comuni, ma i pannelli al CdTe tendono ad essere più efficienti quando il sole non è al massimo, mentre i pannelli a film sottile sono più facili da integrare nei tetti esistenti. I pannelli solari possono essere installati sul tetto di casa o su un grande campo nelle vicinanze. Possono anche essere installati su un garage se il tetto è difficile da rivestire e possono essere usati sia d’estate che in inverno grazie ai pannelli solari di nuova concezione come quelli raccontati in questo articolo.

Oltretutto grazie ai vari incentivi possiamo anche installare pannelli solari nella nostra abitazione o azienda sfruttando anche il 110% anche definito superbonus.

Come avere energia senza contatore

Se producete più elettricità di quanta ne consumate attualmente, potete chiedere a un’azienda di servizi pubblici locale di installare un contatore speciale che non misura automaticamente la quantità di elettricità che state consumando. Si limita invece a registrare la quantità di elettricità generata. Questo contatore speciale viene solitamente utilizzato nelle aree in cui si verificano frequenti interruzioni di corrente, che rendono difficile tenere traccia delle piccole quantità di utilizzo dell’elettricità. Può essere un’ottima opzione per chi ha installato pannelli solari sulla propria casa. Tuttavia, è importante verificare con l’azienda elettrica locale che questa opzione sia disponibile nella vostra zona.

Legislazione sull’autoproduzione di elettricità

Per connettersi alla rete di distribuzione, ogni produttore di energia deve presentare una richiesta al distributore competente in base alle norme del TICA. L’Autorità per l’energia elettrica, il gas e il sistema idrico ha stabilito una partnership con il TICA. Sul sito web di un “distributore”, di solito si trova una sezione dedicata ai produttori che fornisce informazioni, inoltra le richieste e segue la procedura. È possibile anche ottenere tutta la documentazione necessaria online. Dipende anche dal tipo di impianto. Il processo di connessione potrebbe anche essere semplificato.

Con la Delibera 109/2021 entrano in vigore le nuove regole che disciplinano i prelievi di energia elettrica per la successiva reimmissione in rete. L’Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente (ARERA) ha introdotto nuove procedure per l’erogazione del servizio. Il servizio comprende la trasmissione, la distribuzione e il dispacciamento dell’elettricità prelevata.

Comprende sia i servizi ausiliari di generazione sia l’energia che viene successivamente reimmessa in rete dai dispositivi di accumulo in aggiunta all’energia consumata. Su richiesta del generatore (come definito nel TICA), i prelievi di energia elettrica che saranno reimmessi in rete saranno trattati come energia elettrica immessa negativamente. La risoluzione entra in vigore il 1° gennaio 2022.

Conclusione

L’energia solare è uno dei modi più comuni per generare elettricità a casa, ed è particolarmente utile per le case con spazio limitato sul tetto. Le turbine eoliche sono un’altra opzione comunemente utilizzata per generare elettricità e sono spesso collocate su proprietà rurali dove c’è una forte energia eolica. I sistemi idroelettrici sono un’altra opzione per la generazione di elettricità, ma sono generalmente utilizzati per sistemi idrici su larga scala. Tutte queste opzioni possono essere utilizzate per generare elettricità per un’intera abitazione o per un singolo apparecchio.